Questo sito utilizza cookie di profilazione per registrare e monitorare le preferenze dei visitatori e ottimizzare la navigazione dell'utente.I cookie sono file salvati temporaneamente sull’hard disk e identificano il computer, non la persona.Il sito può essere visualizzato anche negando il consenso all'utilizzo dei cookie, ma per sfruttarne a pieno le potenzialità consigliamo di accettare.

Accetta Rifiuta

Il leprotto pasquale del logo, simbolo augurale dei futuri successi aziendali

Remscheid, Domenica di Pasqua 1899. Johann Vaillant sfoglia la rivista mensile “Alte und Neue Welt” (“Il vecchio e il nuovo mondo”) mentre suo figlio gioca. All’improvviso rimane catturato dall’immagine di un leprotto che esce da un uovo, tipica immagine allegorica della Pasqua tedesca.

Intorno al leprotto c’erano gnomi dalla rosse guance e animali giubilanti tutti intenti ad osservare il leprotto che nasceva dall’uovo. Johann Vaillant rimane così affascinato dalla scena che decidere di comprare sia l’immagine sia i diritti di utilizzo (copyright). Per Vaillant inizia l’enorme storia di successo del suo marchio.

Un marchio altamente distintivo

Il leprotto e l’uovo conferirono all’azienda “Vaillant GmbH” sin dal primo giorno i tratti di un marchio distintivo.

Fin dal 1899 il logo è apparso in tutti i prodotti, i cataloghi e la documentazione elaborati dall’azienda sita a Remscheid. In soli pochi anni l’eccellente reputazione di Vaillant si diffuse in tutta la Germania ed oltre i suoi confini.

Il fautore della prima pubblicità del gruppo Vaillant

Quando nel 1920 le richieste avanzate nell’ambito della progettazione cominciarono a diventare più esigenti, Vaillant assunse il suo primo direttore pubblicitario. Una decisione che si dimostrò utile per impostare l’andamento futuro della azienda. Da allora l’immagine della azienda è stata promossa in modo uniforme e professionale. Il logo venne adattato ed il design dei prodotti Vaillant rielaborati al fine di rispondere alle esigenze architettoniche dell’epoca. Il marchio venne riprogettato per la prima volta.

Nasce l’archetipo del logo

Vaillant dà al suo logo linee e contorni definiti. Il “leprotto in un uovo” resta il tema centrale ma viene aggiunta la parola “Vaillant”. Mettendo insieme la parola scritta con l’immagine l’effetto di identificabilità del marchio venne rafforzato ulteriormente. Tutte le rivisitazioni successive furono basate sul disegno di Lorber e rimasero coerenti con l’originale.

Il leprotto diventa un personaggio dei cartoni e cattura il cuore della gente

Nel 1935 il leprotto assume un ruolo nuovo. Nella brochure promozionale "Eine königliche Hasengeschichte" (La storia di un leprotto reale) egli lascia il suo uovo e saltella attraverso la storia del mondo e quella del logo stesso. Riesce, con una buona dose di umorismo – a convincere i monarchi dei benefici di un bagno caldo. Nel 1970 Vaillant ritorna al successo con questa interpretazione giocosa: venne prodotto un nuovo cartone animato che presto vantò un’enorme seguito. Ad oggi la sua popolarità continua.

Energia, forza e competenza

Nel 1953 il logo Vaillant venne temporaneamente cambiato: la parola “Geyser” venne aggiunta al testo. Ciò fu fatto per ricollegare lo stato dell’arte della tecnologia Geyser, con il più ben noto nome di Vaillant. Fin dal 1905 Vaillant ha dominato il mercato con gli scaldabagni murali denominati “Geyser” (nome protetto da copyright). Alcuni anni dopo l’uovo venne posto all’interno di una cornice per esprimere l’idea di energia, forza e competenza.

L’uovo di colombo

Successivamente venne aggiunto un ulteriore elemento: il logo venne colorato di verde rendendolo inconfondibile, come dimostrato dai sondaggi. La maggior parte dei tedeschi sa che il leprotto appartiene ad un’azienda sita a Nord del Reno, in Westfalia. Inoltre: più del 70% dei tedeschi conosce Vaillant. In Austria, Olanda e Italia il leprotto raggiungere risultati simili per la sua immagine.

Pertanto la decisione di Johann Vaillant di registrare l’immagine del leprotto come marchio commerciale nel 1899 si dimostrò davvero essere una decisione vincente, l’“Uovo di Colombo”.